Autore del mese: La famiglia Ruckstuhl

Febbraio 2016

 

SBSC: Molte persone vi conoscono per via della trasmissione «Auf und davon», mandata in onda all’inizio del 2016. In questa trasmissione abbiamo seguito la vostra emigrazione in Canada e la vostra nuova routine. Abbiamo anche appreso di vostra figlia Josephine, che nel 2014 a 18 mesi ha ricevuto una donazione di cellule staminali del sangue. Come mai avete partecipato alla trasmissione?

 

Alexandra Ruckstuhl: La trasmissione «Auf und davon» ci è sempre piaciuta, ma il vero motivo per cui ci siamo iscritti è stata Josephine. Nostra figlia è nata con una rara malattia metabolica congenita. Per nostra grande fortuna il trapianto di cellule staminali del sangue è riuscito e ora Josephine sta meglio. Non volevamo solo mostrare la nostra vita in Canada, ma anche far vedere che una donazione di cellule staminali del sangue può salvare una vita.


Bauernhof Kanada

La nuova casa de la famiglia Ruckstuhl in Canada. Copyright: SRF

Come hanno reagito la vostra famiglia e i vostri amici al fatto che avete partecipato alla trasmissione?

 

Markus Ruckstuhl: Ci siamo spesso sentiti dire: «Fatelo pure, meglio voi che noi davanti alle telecamere», anche se tutti capivano il motivo. Non potevano però immaginarsi di essere costantemente filmati e farsi vedere al pubblico. Noi non avevamo alcun problema. Continuavamo la nostra vita in Canada e non facevamo caso ai cameramen quando ci filmavano.

 

Alexandra Ruckstuhl: Abbiamo ricevuto anche reazioni positive. Mi ricordo ancora bene di una terapista di Josephine: era entusiasta all’idea e pensava che fosse una stupenda occasione per mostrare come una donazione di cellule staminali del sangue possa servire non solo in caso di leucemia ma anche di mucopolisaccaridosi di tipo I, la malattia di Josephine.


La vostra spontaneità e la vostra partecipazione alla trasmissione hanno contribuito molto a promuovere la donazione di cellule staminali del sangue. Come motivereste altre persone a impegnarsi a favore di questa donazione?

 

Alexandra Ruckstuhl: Semplice: guardate Josephine e come cresce bene. Non c’è migliore motivazione di questa. Se quel donatore di cellule staminali del sangue da qualche parte nel mondo non si fosse registrato e non si fosse prestato alla donazione, oggi Josephine sarebbe molto malata. Questo donatore è il nostro eroe!

 

Markus Ruckstuhl: Ci vuole poco per salvare una vita, e questo lo abbiamo vissuto in prima persona. Vorremmo che il maggior numero di persone possibile conosca l’importanza di una donazione di cellule staminali del sangue. Non bisogna essere Superman per fare qualcosa di straordinario e diventare un eroe.

 

 

 

 

 

 

 

 

 






J
osephine sta meglio. Copyright SRF

 

 

FARE UNA DONAZIONE ORA!

CHF
Aiutateci con la vostra donazione in denaro a coprire i costi delle nuove registrazioni per questa e altre azioni.
Desidero effettuare una donazione in denaro
www.sqs.ch www.zewo.ch wmda
 
UNITI CONTRO LA LEUCEMIA