Cédric l’affronta con tranquillità

02/10/2019

Il 23enne studente di medicina si è registrato tre anni fa all?università come donatore di cellule staminali del sangue e di recente ha potuto effettivamente prestarsi per una donazione. Abbiamo accompagnato Cédric in questa avventura e lo abbiamo importunato con domande.


Foto: Cédric si registra all’Università di Zurigo come donatore di cellule staminali del sangue.


Cédric, sembri tranquillo e sereno. Come ti sei sentito stamattina quando sei uscito di casa?

A dire il vero, normalissimo, non ero nemmeno nervoso. Ho pensato soprattutto al ricevente o alla ricevente e a come doveva sentirsi in quel momento.

Cosa hai provato quando hai saputo di essere considerato come donatore?

Ero sorpreso poiché in Svizzera la possibilità di essere scelti come donatori è in fondo relativamente esigua. Inoltre, la scorsa estate ero già stato contattato come donatore compatibile e mi ero sottoposto ai primi esami. La donazione però è stata nuovamente annullata per motivi sconosciuti. Ero quindi ancor più sorpreso di aver nuovamente ricevuto la chiamata quest’anno! Sono però molto contento di poter di nuovo aiutare. Caso vuole che anche un mio amico si è prestato per una donazione un anno e mezzo fa.

 


Foto: la donazione può cominciare, il secondo accesso è posato. Alessia Iuliano spiega a Cédric ogni passaggio nei minimi dettagli.

A cosa dovevi fare attenzione prima della donazione?

La data della donazione era già nota relativamente presto, pertanto non ho dovuto cambiare molto le mie abitudini quotidiane. Ho potuto andare anche in vacanza come previsto. Sul posto ho semplicemente controllato i miei messaggi ogni giorno.

Cinque giorni prima della donazione dovevo iniettarmi i fattori di crescita due volte al giorno nella coscia per aumentare il numero di cellule staminali del sangue nel midollo osseo affinché queste entrassero nella circolazione sanguigna. Per me però non è stato un problema, dopo ho solo sentito una certa pressione nella parte bassa della schiena.

 

Per finire la donazione è durata sei ore. Cosa hai fatto in quel mentre?

Dopo la piacevole intervista ho guardato un film. A un certo punto mi sono addormentato e il tempo è poi praticamente volato.

Foto: parlare, guardare un film e dormire: così Cédric ha trascorso le sei ore di donazione.

 

Come ti sei sentito dopo la donazione?

Benissimo! Ovviamente ero molto contento che fosse tutto filato liscio come previsto. È stato mobilitato e prelevato un numero sufficiente di cellule staminali per il ricevente. Ero veramente contento che la donazione fosse riuscita. Subito dopo la donazione ero ancora un po’ stanco ma ho potuto ancora godermi il resto della giornata. Alla sera mi sono addormentato meravigliosamente.

 

Cosa vorresti comunicare alle persone che non si sono ancora registrate?

Per molte malattie un trapianto di cellule staminali del sangue è l’ultimo rimedio possibile e continuano a esserci troppo poche persone disposte a donare. In qualità di donatore possono raccomandare a tutti di farlo, nel mio caso si è svolto tutto senza problemi e senza dolore. Lo rifarei subito!

 

Vorresti aiutare qualcuno anche tu? Allora registrati subito su www.sbsc.ch/registrazione.

 

 

Commenti

Scrivi un commento

www.sqs.ch www.zewo.ch wmda
 
UNITI CONTRO LA LEUCEMIA