«Vorrei aiutare»

26/03/2018

Elif Duyar ha organizzato un’azione di registrazione in Svizzera in risposta a un appello internazionale per un bambino di cinque anni, Çagani. È già la seconda volta che svolge questo impegno.n Mal.

 

 

Come è venuta a conoscenza, la prima volta, della donazione di cellule staminali del sangue?

Circa quattro anni fa la sorella di mio cognato si è ammalata di leucemia acuta e aveva bisogno di una donazione di cellule staminali del sangue. Tutti i parenti e i conoscenti si sono quindi attivati per sensibilizzare sulla tematica. Siccome la nostra famiglia è distribuita in tutta Europa, è stato lanciato un appello non solo in Svizzera ma anche in Francia, Inghilterra, Germania e Turchia, in cui ha goduto di una vasta presenza nei media. Per finire migliaia di persone si sono registrate come donatori di cellule staminali del sangue.

È già la seconda volta che svolge un’azione di registrazione. Per quale motivo?

Non si può mai sapere quando capita a te. Purtroppo nella mia famiglia e nella mia cerchia di conoscenti sono tanti a essersi ammalati di cancro, per questo motivo desidero aiutare nella misura del possibile. Nel caso della donazione di cellule staminali del sangue posso fare qualcosa come ad esempio mobilitare un maggior numero possibile di persone a registrarsi. Alcuni conoscenti mi hanno parlato di Çagani, un bambino di cinque anni, e della sua sorte, per il quale ho organizzato ora questa azione. Spero veramente che si trovi un donatore compatibile per lui!

Come ha proceduto per l’organizzazione?

Essendo già alla seconda azione, sapevo come procedere. Insieme alla divisione SBSC ho disbrigato tutte le questioni organizzative. L’azione si è tenuta nella «Haus der Religionen» (Casa delle religioni) a Berna, dove vive la maggior parte dei parenti di Çagani. Siamo membri di questo luogo in cui ogni domenica si tiene un brunch. Quando abbiamo tempo, vi andiamo con tutta la famiglia. Ho potuto inoltre contare sull’aiuto energico di mio fratello e di mio cognato che si sono occupati in particolare della pubblicità.

Proseguirà il Suo impegno?

Sì, desidero che tantissime persone continuino a registrarsi. Mia cugina, circa tre anni fa, ha potuto donare le cellule staminali del sangue. Era così felice di poter forse salvare la vita di qualcuno! Questa consapevolezza mi motiva a continuare.

 

Siete interessati anche voi a impegnarvi sotto questa forma? Trovate qui idee per un impegno: www.sbsc.ch/impegno 

 

Impressioni

www.sqs.ch www.zewo.ch
 
UNITI CONTRO LA LEUCEMIA