salvare una vita grazie a un piccolo gesto

 

Thomas, nel 2015 hai donato le tue cellule staminali del sangue. Cosa ti ha motivato a farlo?

Circa tre anni fa volevo donare sangue durante il mio periodo alla Scuola reclute, poiché sapevo che era importante. Purtroppo ho avuto il raffreddore e non ho potuto farlo, ma nella stessa occasione sono stato informato sulla donazione di cellule staminali del sangue. La tematica mi ha persuaso facilmente e mi sono registrato per poter forse salvare una vita grazie a un piccolo gesto.

Circa sei mesi dopo ho ricevuto la notizia da SBSC che venivo preso in considerazione come donatore. Ero rimasto in un certo qual modo sorpreso, ma dopo un paio di chiarimenti con i superiori ho accettato con piacere. Dopo le analisi e i colloqui medici, un bel giorno d’estate aspettavo all’Ospedale universitario di Basilea il momento della donazione.

La donazione di cellule staminali del sangue si è svolta allo stesso modo di una donazione di sangue. Non è stata dolorosa e, in quanto militare, sono abituato all’attesa. Avere un ago inserito in entrambe le braccia è un po’ limitante, ma sopportabile. La mia ragazza mi ha accompagnato, così da aver qualcuno con cui parlare durante la donazione.

Dopo la donazione ho potuto riposarmi due giorni nell’infermeria della Scuola reclute. Grazie a lunghe dormite e tanto bere, mi sono ripreso in fretta. Quasi una settimana più tardi ho iniziato il corso preparatorio per i quadri per prepararmi alle prossime reclute. Non mi sentivo più stanco o altro.

 

Avevi già sentito parlare della donazione di cellule staminali del sangue prima di quel momento?

Non ne avevo mai sentito parlare. Non solo mi ha convinto lo scopo, ma anche la facilità del gesto: prelevare un po’ di mucosa orale con un bastoncino di ovatta, indicare l’indirizzo e il gioco è fatto.

 

Lo rifaresti?

Certo, assolutamente. Con un gesto relativamente piccolo è possibile aiutare altre persone e le loro famiglie. Se mi trovassi in una situazione simile, sarei contento di ricevere aiuto.

www.sqs.ch www.zewo.ch wmda
 
UNITI CONTRO LA LEUCEMIA