Storie di riceventi

Ogni giorno in Svizzera circa tre bambini o adulti sono colpiti dalla leucemia o da altre malattie ematiche potenzialmente letali. Molti di loro possono essere aiutati con un trapianto delle cellule staminali del sangue. 

Riceventi di cellule staminali del sangue raccontano.

  • Dani: La mia storia
    Mi chiamo Daniel Gisler, ho 31 anni e vivo con la mia famiglia nel bel Cantone di Uri. Nell’autunno 2014 mi è stata diagnosticata una leucemia linfatica cronica. Desidero raccontare la mia storia alle altre persone malate. Per saperne di più
  • Andrea Rihs
    Andrea: «I miei tempi supplementari»
    Andrea Rihs si è ammalata di leucemia nel 2013, all’età di 39 anni, e nel 2014 ha ricevuto una donazione di cellule staminali del sangue non apparentata. Oggi lavora di nuovo a tempo pieno e dirige la divisione Contabilità e Personale di un’impresa di costruzioni di Aarberg. Di seguito ci racconta come ha vissuto gli ultimi anni. Per saperne di più
  • Martin Freiermuth mit seinem Bruder
    Martin: Sopravvivere a tutti costi
    Tutto è iniziato con un leggero raffreddore accompagnato da mal di gola. Dieci giorni dopo, Martin Freiermuth va dal medico per un’analisi del sangue e, da quel momento in poi, tutto si sussegue molto in fretta. Il giorno seguente si ritrova nel reparto d’isolamento dell’Ospedale universitario e, solo alcune ore più tardi, di sera verso le 19.00, riceve la diagnosi. Per saperne di più
  • Lisa - Esami finali con tanto di catetere venoso centrale
    Tutto ebbe inizio durante le vacanze di Pasqua dell’aprile del 2006 quando studiavo per prepararmi agli esami finali della scuola media di commercio. Ero sempre sfinita. Dapprima pensai che fosse colpa dello stress e che, con un po’ di sonno e di miracolosa Coca Cola, tutto tornasse alla normalità. per saperne di più
  • Dany - Mai perdere la speranza
    Signor Alvarado, qual è stata la Sua diagnosi? Miè stata diagnosticata una leucemia mieloide acuta secondaria allo stadio 5, insorta a seguito del trattamento immunodepressore cui mi sono sottoposto per curare la malattia di Crohn. per saperne di più
  • Claudia - Il mio impegno e la mia storia
    Claudia Hügli è medico-assistente presso l'Ospedale pediatrico di Basilea e Presidente dell'Associazione svizzera dei trapiantati di cellule staminali del sangue (SVBST). Nell'intervista racconta il lavoro di SVBST, ma anche le sue esperienze personali con la diagnosi di leucemia. per saperne di più
  • Katharina - La malattia è in qualche modo sempre presente
    Oggi Katharina Graf e suo marito possono godersi dei giri insieme sulla loro Harley, ma questo è tutt’altro che scontato. A 40 anni Katharina ha ricevuto la spaventosa diagnosi: ha la leucemia. Quasi subito è diventato chiaro che un trapianto di cellule staminali del sangue era l’unica possibilità di guarigione. per saperne di più
  • Martin - Non mi sono lasciato sopraffare dalla malattia!
    Quando mi è stata riferita la diagnosi, il terreno mi è mancato sotto i piedi. Credevo si trattasse di un’infezione virale inoffensiva. Avendo una grande paura delle siringhe e dei prelievi di san-gue, ho posticipato l’appuntamento con il medico di un paio di giorni. Il mio malessere però era peggiorato a tal punto che ho deciso di farmi coraggio. per saperne di più
  • Jan - Un anno che ha cambiato tutto
    Jan Tischhauser è un nome noto nel mondo dello sci. Per 20 venti anni responsabile FIS delle gare veloci nel settore femminile. Poco prima della sua ultima stagione alla FIS, Tischhauser ha dovuto affrontare una durissima diagnosi: leucemia. per saperne di più
www.sqs.ch www.zewo.ch wmda
 
UNITI CONTRO LA LEUCEMIA